Pittura e pittori

  • Art
  • Gallery
  • Colore
  • Teresa
  • Castro

Recensioni

I temi cari alla Castro vengono attinti dalla più bella tradizione coloristica meridionale - ricca di luce e di volute timbriche e si animano, dopo quella sua pensierosa analisi introspettiva ed essenziale, in solari e fascinose trasposizioni figurative. Il colore è sempre essenziale e robusto. Abili combinazioni di effetti timbrici e tonali giocano con le linee, a volte solo accennate, a volte volutamente rimarcate. E, sempre il colore rimane protagonista assoluto di una immaginifica e suadente texture pittorica, ricca di allusive curiosità. E così, artistici bozzetti di vita urbana di diversa appartenenza geografica si fanno narrati estemporanei, propri della divina arte impressioista, sua prediletta. Nei suoi quadri, che si accordano soprattutto in una ornata persistenza paesaggistica, si sente la voce dell'anima, con le sue stagioni e la sua storia; sono quadri che testimonaino la caparbia volontà di recupero di un patrimonio, che è proprio di una cultura magistralmente esemplata in quelle personalissime e modulate vedute (il mare , la campagna, i giardini), in elementari e umili squarci di antichi casali o in monumentali architetture dalle linee sobrie, tese a narrare eventi dalle diverse età storiche, che si caricano di un fluido cromatico,potentemente emozionale. Là dove abitano i segni dell tempo, lì si incorniciano e su proiettano ordinate modulazioni di forme e colori: sono i bianchi centri storici, i rumorosi borghi marinari, i trulli misteriosi, le solitarie masserie e torri costiere antichi agglomerati urbani e verdi distese di ulivi e di una vegetazione-macchia che prende in prestito l'intero alfabeto cromatico della natura.

Teresa Castro- Una pittura dall'intenso emozionale cromatico

prof. Vincenza Musardo Talò, storico e critico dell'arte
“Pittura fatta di luce , materia e colore, quella di Teresa Castro. L'ambiente marino, un soggetto spesso ricorrente nella sua produzione con il fluire vitale delle onde ci parla dell'esistenza e del suo scorrere attraverso le strutture proprie del linguaggio pittorico. E' una rappresentazione del mondo dove l'attenzione verso la natura si fonde con l'amore per l'uomo, in una visione che intriga l'osservatore in un discorso fatto di tensione emotiva e di partecipazione alla vita. Queste opere mostrano la volontà di esprimere gioia attraverso l'ostentazione di coinvolgenti valori pittorici.”

catalogo

Vito Cracas (Critico d'arte) 2017
``Nella sua pittura Teresa Castro, elabora forme e colori suggestivamente evocativi di vissuti, intuizioni, sensazioni che costellano l'itinerario dell'esistenza.
Le sue opere descrivono ambienti tipici della sua terra o di altre contrade, paesaggi di grande bellezza, figure soggetti naturalistici, momenti di vita quotidiana, rivisitati con intensità di sentimenti enucleando aspetti umani di palpitante emozionalità.
Ella ricrea le immagini con vibranti orchestrazioni di colori, movimentate da impressionistici ritmi che assicurano alla narrazione vivacità, lirici slanci e una decisa, incisiva espressività``.

I paesaggi mediterranei di Teresa Castro

di Vito Cracas Critico d'arte 2012
I paesaggi di Teresa Castro pieni di poesia e colore, affascinano lo spettatore, poiché si ispirano alla
grande armonia della natura; il senso della vitalità di cui le opere sono impregnate, insieme alla
sensibile interpretazione della cultura mediterranea, dimostrano un itinerario pittorico dell'artista
volto a mantenere intatti gli stati d'animo, le sensazioni percepite da chi si sofferma ad osservare i
suoi lavori, il pensiero che sovviene che, per Teresa Castro il trasmettere queste suggestioni, sia il
linguaggio più immediato per comunicare i suoi racconti pittorici.

La suggestione dei paesaggi di Teresa Castro

di Eugenio Marini Critico d'arte 2016
L' artista traduce in una dimensione naturale dell'aria permeata dalla luce cosmica, il fenomeno che per la sua grandezza ignota e per il senso della solitudinee per il suo scatenarsi,determina un sentimento di inquietudine che fa unire nell'animo la paura ed il piacere. E' la forza misteriosa che manifesta per suscitare l'idea del sublime.Una marina dai colori delicati in felice movimento ondivago dell'azzurro mare e delle piante appena accennate che si affacciano su una spiaggia sulla quale si delineano essenziali forme umane.
Teresa Castro realizza un'opera di intensa suggestione cromatica nell'essenzialità delle forme umane e naturali che si notano sulla distesa del tratto di spiaggia contornato da un mare di dinamici tratti di blu con creste di spume bianche.

L'intensa suggestione cromatica di Teresa Castro

di Cap. Michele Miulli Esperto d'Arte 2014
Non smette di fare ricerca e investe tutto sul suo talento. Questo in sintesi il messaggio contenuto nelle sue opere paesaggistiche. Solitaria meditatrice e colta pittrice, sembra procedere sulla spinta di uno slancio esecutivo di rara intensità.La sua arte fonda sul linguaggio e sull'equilibrio cromatico, che la porta ad esplorare l'invisibile.

Dir.Artistico Roberto Chiavarini

L'equilibrio cromatico delle opere di Teresa Castro

di Roberto Chiavarini Dir. artistico Associazione Italia in Arte 2014
Sa di sole mediterraneo la tavolozza di Teresa Castro, che colora ed illumina un
paesaggio incantato in una rievocazione tra sogno e realtà. E' il paesaggio di
ieri, che riscopre l'artista in un viaggio del tempo sulle terre del meridione.
E' caldo il sole che illumina la case di borghi antichi, dove la vita si fa nostalgico
ricordo in un lento trascorrere delle ore di una tarda calura estiva.
Facilmente il cielo si tinge d'azzurro e di rosa che si riflette sulle onde del mare e
sull'intonaco di paesaggi, come quinte d'una rappresentazione di sogno. E' lo
spettacolo del quotidiano vivere di ieri, di soffusa luce, accarezzato con una
mano d'amore, sincera, tiepida, trepidante d'un segreto desiderio di essere oggi
come ieri.
In particolare sulle tele della Castro si trova riflessa la sua città natale, Bitonto,
come in fogli di album di foto colorate a mano, per un racconto di favola `` c'era
una volta...`` in pagine di poesia dove amore fa rima con cuore.

il paesaggio mediterraneo di Teresa Castro

di Oronzo Maggio Critico d'arte- Scrittore
Le ombre color malva del paesaggio lucano, contrastano con il giallo radioso del cielo, evocando una veduta quasi fiabesca, nonostante l'adozione di una ridotta tavolozza e, di un segno nitido, Teresa Castro, ha saputo ricreare con maestria, le sensazioni atmosferiche, di una giornata primaverile; suggerendo la nostalgia per una quiete antica contrapposta dall'ammodernamento causato dal progresso.

I cromatismi fiabeschi di Teresa Castro

di Arcangelo Anselmi Giornalista- Scenografo 2009
I colori solari, insiti nel paesaggio mediterraneo, son ben in sintonia, in questa opera di Teresa Castro, con i toni incandescenti del tramonto a cui si contrappone la tonallità fredda del mare verde acido; apparentemente questo connubio potrebbe sembrare audace ma denota la voglia di sperimentare della pittrice, nonchè la capacità della stessa di impressionare sulla tela con tratti leggeri, la quotidianità, vedi il gruppo dei pescatori intenti al rammendo delle reti. Tutti questi elementi, determinano un composizione armoniosa e luminosa.

La solarità dei paesaggi di Teresa Castro

di Maria L. Ruffo Critico d'arte 2009